Sviluppo psicomotorio (15-36 mesi)

Raggiunto l’anno di età, grazie alla pratica ma anche alla maturazione delle fibre nervose che sovrintendono ai movimenti muscolari, il bambino si muove sempre di più e nel momento in cui riesce a camminare senza appoggio non si sentirà sempre in pericolo, regnerà quindi un senso di fiducia in se stesso. Purtroppo però i bambini con difficoltà motorie avranno bisogno di essere rassicurati e, se il problema è cronico dovranno essere aiutati a trovare la fiducia in se stessi in altri ambiti. Alcuni consigli per aiutare un bambino a avere stima in se stesso li puoi trovare in questo articolo: “Disturbi psicologici legati all’obesità”.

Qui sotto farò uno schema dello sviluppo motorio e cognitivo che va dai 15 ai 36 mesi, ricordando sempre di mantenersi elastici. Non accadrà mai che riescano a salire le scale da soli se non riescono ancora a camminare bene, lo sviluppo segue delle tappe prestabilite, ma ogni bambino avrà comunque i suoi tempi, chi prima e chi dopo, comunque tutti seguiranno lo schema.

Dai 15 mesi

  • camminano senza aiuto

  • stanno in piedi senza appoggio
  • bevono da soli
  • cominciano ad usare il cucchiaio ma hanno bisogno di aiuto
  • possono infilzare una pallina o un perno in un buco circolare
  • mostrano interesse per le immagini
  • dicono circa 4-6 parole e indicano gli oggetti con la mano
  • baciano, abbracciano, hanno crisi di capricci
  • imitano alcune attività
  • tollerano la separazione dalla madre

Dai 18 mesi

  • salgono le scale se li si tiene per mano

  • lanciano una palla senza cadere
  • possono saltare sul posto
  • tirano o spingono i giocattoli
  • mangiano bene con il cucchiaio
  • girano le pagine di un libro a gruppi di 2-3
  • scarabocchiano
  • pronunciano una decina di parole
  • conoscono la funzione degli oggetti domestici (televisione, scopa, ecc.)
  • si levano scarpe, calze, aprono la lampo
  • piace spostare piccoli oggetti di uso comune (piatto, tazza)

Dai 24 mesi

  • corrono abbastanza bene, calciano la palla senza cadere

  • salgono e scendono le scale aiutandosi con le mani
  • girano una alla volta le pagine di un libro
  • aprono con le maniglie
  • è capace di lavarsi e asciugarsi da solo anche se in modo approssimativo
  • hanno un vocabolario di circa 200 parole
  • usano frasi semplici
  • si riferiscono al proprio nome
  • esprimono necessità come mangiare, bere, andare al bagno
  • iniziano a controllare gli sfinteri
  • tirano le persone per mano per mostrare loro qualcosa

Dai 36 mesi

  • controllano gli sfinteri

  • vanno sul triciclo
  • salgono e scendono le scale alternando i piedi
  • fanno disegni semplici come cerchi e croci
  • chiedono di continuo perchè
  • usano frasi di 3-4 parole
  • riconoscono e identificano gli oggetti e le figure comuni
  • completano puzzle di 10-20 pezzi
  • capiscono mio e suo (coscienza dell’io)

Con il crescere della fiducia in se stessi, cresce la loro voglia di autonomia. Anche se sarà goffo o lento nelle cose, l’adulto potrebbe favorire la sua autonomia assecondandolo e guidandolo apprezzando il suo desiderio di fare.

Puoi leggere anche

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

da Twitter

Chiedi all’ostetrica!

Vai ora alle Domande!
Vogliamo dare il supporto professionale di un ostetrica per risolvere dubbi, avere chiarimenti e informazioni su tutto quello che riguarda la fertilità, la gravidanza, il parto, il post-partum o qualsiasi altra cosa di sua competenza.

Si chiama Pia ed è la nostra "roccia", ha aiutato veramente tante mamme (compresa la sottoscritta) con la sua lunghissima esperienza, dedizione e pazienza.

Applicazioni utili

Avete dubbi sui rischi relativi alla Trisomia 21 o Sindrome di Down?
Translucenza Nucale è l'unica applicazione esistente sul mercato android che vi aiuterà a interpretare correttamente i risultati dell'esame di Translucenza Nucale.

Con questa applicazione potrete verificare i vostri risultati in base a criteri scientifici e non opinioni.

Chi sono?

Per motivi di lavoro abbiamo viaggiato in Australia e in Norvegia dove attualmente viviamo. Rispetto allo stile di vita italiano abbiamo più tempo per i figli e siamo molto più sereni e rilassati anche se non abbiamo le nostre famiglie vicine e non viviamo negli agi.

Viaggiando e stando a contatto con altre culture diverse dalla nostra, ho imparato molto, prima di tutto il gioire delle piccole cose che la vita ti regala. Attraverso questo sito desidero essere utile in qualche modo, magari anche solo trasmettendo un po' di serenità.